Il CD ROM è proposto insieme ad una versione cartacea del lavoro. La differenza sta nel fatto che mentre il CD contiene l'intero lavoro, il volume ne costituisce un saggio parziale. La scelta si deve al fatto che una versione solo cartacea, data la mole dei dati raccolti, avrebbe avuto una dimensione notevole. Senza contare che l'organizzazione dei materiali avrebbe reso necessario produrre anche un indice alfabetico dei contributi citati, anche per non invalidare la funzionalità del prodotto: cosa che avrebbe ancor di più aumentato le dimensioni del volume. Si è optato allora per l'ipertesto e la versione digitale che propone l'intera ricerca, aggiungendovi la grande qualità delle funzioni di ricerca che eliminano l'esigenza di un indice alfabetico. La versione cartacea, dunque, ha la mera funzione di saggio, di anticipo, di approccio al lavoro. Riporta l'indice generale, che espone le dodici sezioni in cui è divisa l'opera, e propone una pagina - di solito la pagina iniziale - per ognuno dei settanta capitoli in cui si articola l'esposizione.